News & Eventi

Dal:
27/06/2020 al 28/06/2020

Dal:
20/06/2020 al 28/06/2020

MILANO FLAMENCO FESTIVAL 2020  - 13° Edizione 

Con il sostegno di Ministero de Cultura y Deporte - INAEM,  la collaborazione dell' Instituto Cervantes e dell'Embajada de España en Italia. 

Milano Flamenco Festival celebra la sua tredicesima edizione dal 21 al 28 giugno sotto il filo conduttore SEGNI DEL TEMPO / Memoria - Visioni - Contrasti

Il flamenco - strumento e memoria del tempo - guiderà, scandirà ed esalterá le creazioni dei grandi artisti ospiti di questa edizione accompagnati rigorosamente da musicisti e cantaores dal vivo.

Un onore per il Festival e per la scena milanese aprire le danze, il 23 giugno, con l’icona del flamenco mondiale - MARÍA PAGÉS (La terra e l’aria non sono più le stesse dopo aver visto danzare María Pagés. José Saramago (Premio Nobel di Letteratura) - che, per la prima volta in Europa, dopo il debutto in patria, presenterà l’ultima produzione - UNA ODA AL TIEMPO - premiata con il Giraldillo al Miglior Spettacolo nella passata edizione della Bienal de Flamenco de Sevilla e reduce dai successi delle tournèe in Cina e Sud America. Accompagnata da otto bailaoras e bailaores, sette musicisti, María Pagés, esplora la tradizione culturale spagnola, in un sentito dialogo con la memoria, muove i fili del flamenco arricchendoli con citazioni di Platone, Marguerite Yourcenar, Jorge Luis Borges, John Cage, Neruda, Duchamps.

In un’allegoria del presente, con una profonda riflessione etica ed artistica, s’interroga sull'effimero, l'eternità e l'implacabile irreversibilità del tempo sul corpo, sul desiderio, sull'arte e sulla vita. Il tutto scandito da un ritmo che riflette le condizioni polimorfiche e mutanti del tempo in una constante tensione fra individuo e società, linea e cerchio, argomento e astrazione, silenzio e percussione.

Celebra i vent’anni di carriera MARCO FLORES, che il 24 giugno, porterà in scena RAYUELA, con la regia e drammaturgia di Francisco López. Ispirato alla rayuela (in spagnolo linea, striscia) antico gioco infantile (in Italia conosciuto come settimanacampana o gioco del mondo) e titolo dell’omonimo testo di Julio Cortàzar, l’opera è una metafora della carriera e vita dell’artista, di origine gitana, ma con un bagaglio artistico che spazia dal flamenco al classico spagnolo al contemporaneo. Un viaggio di andata e ritorno nel tempo, partendo dall’impulso primigenio della vita, il ritmo, passando per le tappe che hanno segnato la sua arte e il suo stile, fino alla resa dei conti, al momento del bilancio, alla necessità di ritornare alle origini, questa volta in veste di viaggiatore attento e sincero, consapevole delle peripezie del cammino percorso, con la volontà di tornare a incontrarsi con l’essenza del flamenco e riviverla con pieno significato, come un artista del XXI secolo, perché il flamenco è quel luogo senza barriere e limiti dove l’impulso creativo acquista pienamente senso. Sarà accompagnato dalla chitarra sopraffina di Alfredo Lagos e da uno dei più quotati cantaores del momento David Lagos,candidato con ben nove nomination ai Premios MIN de la Música Independiente 2020e per la prima volta in Italia.

Il 26 giugno chiuderà il Festival ANA MORALES: l’ex solista del Ballet Flamenco de Andalucia e Premio Giraldillo al Baile nell'ultima Bienal de Flamenco de Sevilla, rivendica appieno le sue origini andaluse e il flamenco come forma di vita, firmando la sua opera più personale, SIN PERMISO, canciones para el silencio. Evocando il ricordo del padre, sivigliano emigrato in Catalogna, dà vita, attraverso la sua danza febbrile, ai silenzi e alle parole mai dette tra loro. Dalla nudità alla bata de cola, all’abito maschile, ripercorre l’estetica del flamenco dalla tradizione alla modernità del gesto rivisitato esorcizzando i ricordi del passato. Accompagnata da un formidabile trio di musicisti mescola musica tradizionale con voli elettronici.

Accanto a lei un partner eccezionale: il ballerino/bailaor José Manuel Álvarez.

Ana Morales terrà un workshop di tecnica flamenca il 27 e 28 giugno presso la sede di Punto Flamenco.

A breve programma dettagliato

STAY TUNED!

Dal:
12/03/2020 al 16/04/2020