News & Eventi

Dal:
23/09/2021

Lezioni di prova principianti assoluti

23 settembre 2021 - ore 19:00

Prenotazione obbligatoria a: info@puntoflamenco.it fino a esaurimento posti 

Protocollo: greenpass - distanziamento - mascherina

Abbigliamento comodo, scarpa o stivaletto con tacco grosso max 4 cm, no scarpa tennis o gomma, no tacchi a spillo, no sandali aperti.

Dal:
07/07/2021 al 08/07/2021

SOGNI SPAGNOLI

PROMOZIONE RISERVATA ASSOCIAZIONE CULTURALE PUNTO FLAMENCO 


Mercoledì 7 e Giovedì 8 luglio 2021 ore 19.30

Presso TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI

Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi Georges Bizet Carmen Suite Joaquín Turina Pérez Sinfonia Sevillana,Op. 23 Georges Bizet e Joaquin Turina ci accompagnano in un viaggio musicale fra i mille colori della Spagna.
Per la sua celeberrima opera “Carmen”, Bizet compose immortali melodie ormai entrate nell’immaginario comune, pur senza aver mai visitato personalmente il paese iberico. Joaquín Turina, compositore di origini italiane nato a Siviglia, nei tre movimenti della “Sinfonia Sevillana”, esprime il suo amore per la città natale.

Ad accompagnarci in questo viaggio nelle sonorità spagnoleggianti, ci sarà Jesús Carmona, uno dei più brillanti e acclamati ballerini di flamenco dei nostri giorni, recentemente incoronato vincitore del prestigioso Premio Benois de la Danse 2020-21, che danzerà sulle note della “Carmen Suite”.
Ballerino Jesús Carmona
Direttore Manuel Coves

Biglietti per gli spettacoli

Categoria platea GOLD € 32
Categoria platea BASSA € 27
Categoria platea ALTA € 20

PROMO valida fino ad esaurimento posti solo ed esclusivamente scrivendo all’indirizzo andrea.gabrielli@laverdi.org entro il giorno antecedente alla data di concerto scelta, indicando il nome di tutti i partecipanti e specificando il riferimento a PUNTO FLAMENCO.

N.B. Le biglietterie dell’Auditorium di Milano e del Teatro degli Arcimboldi non sono abilitate all’emissione di biglietti PROMO
 

Dal:
22/06/2021 al 24/06/2021

CONGRESSO MONDIALE DEL FLAMENCO al MILANO FLAMENCO FESTIVAL 2021

Tra i grandi progetti dell'Instituto Cervantes per la celebrazione del suo 30 ° anniversario, c'è l'organizzazione del  Congresso Mondiale del Flamenco nella sua rete di centri e articolato per territori, con spettacoli e concerti ma anche con un programma di conferenze, tavole rotonde, laboratori, proiezioni e mostre che lasciano spazio alla riflessione e al dialogo multidisciplinare attorno al flamenco e attraverso i temi in cui si articola questa inedita iniziativa, quali: la PAROLA, il CORPO, il FUTURO, LA DIVERSITÀ e le EMOZIONI.

Con l'obiettivo di contribuire allo sviluppo e alle opportunità del nostro settore culturale, supportando i nostri creatori e creando reti che facilitano lo sviluppo professionale e le opportunità di lavoro per la loro riattivazione dopo la pandemia, l'Istituto Cervantes collaborerà con i principali eventi internazionali intorno al flamenco come il Milano Flamenco Festival.

Con la presentazione di alcune delle questioni che dominano il flamenco oggi, oltre a promuovere quel rapporto a doppio senso tra l'offerta culturale spagnola e quella della sua rete straniera.

In questa 14° edizione del Milano Flamenco Festival, l'Instituto Cervantes propone tre incontri di riflessione al termine degli spettacoli sul FUTURO del flamenco, sui suoi spazi scenici e di ricerca e sull'unione del flamenco con altre discipline come la letteratura.

  • 22 giugno  Il ruolo del Tablao nella società e nel futuro degli artisti: non solo sopravvivenza ma sperimentazione e creatività. con Manuel Liñán, Jonatan Miró. Raquel Heredia, Adrian Santana.
  • 23 giugno Residenza artistica: scambi culturali per il futuro della creazione con Ana Morales.  Il talento emergente Ana Morales combina il tradizionale con l'avanguardia, l'innovazione e l'emotività in "Sin Permission, Songs for Silence".creato da una residenza artistica tra Festival de Jerez e Festival de Londres.
  • 24 giugno Flamenco e letteratura: dall’idea alla danza con Marco Flores sul processo di creazione di Rayuela in relazione con l'omonima novella di Julio Cortázar.